Parrocchia S. Giacomo Brescia - Unità Pastorale "Card.Parroco G.Bevilacqua"
Parrocchia S. Giacomo Brescia - Costituzione Unità Pastorale 5 giugno 2016
Parrocchia S. Giacomo Brescia - La Comunità
Parrocchia S. Giacomo Brescia - La Catechesi
Parrocchia S.Giacomo Brescia - La Preghiera
Parrocchia S.Giacomo Brescia - L'Oratorio
Parrocchia S.Giacomo Brescia - La Carità
Parrocchia S.Giacomo Brescia - La Liturgia
Parrocchia S.Giacomo Brescia - L'Eucarestia
Parrocchia S.Giacomo Brescia - La Storia

PROSSIMI APPUNTAMENTI

Dal 2 Ottobre 2016 S.Messa Domenicale ore 10.00 e ore 11.15
Pellegrinaggio Giubilare Domenica 3 aprile ore 15.30
Il 3 aprile le parrocchie di S.Anna-S.Antonio e S.Giacomo hanno partecipato al Pellegrinaggio in Duomo con l'attraversamento della Porta della Misericordia
Opere Misericordia Corporali
1. Alloggiare i Pellegrini
2. Dar da bere agli assetati
3. Seppellire i morti
4. Visitare gli infermi e gli ammalati
5. Vestire gli ignudi
6. Visitare i carcerati
7. Dar da mangiare agli affamati
Opere di Misericordia Spirituali
1 - Consigliare i dubbiosi
2 - Insegnare agli ignoranti
3 - Ammonire i peccatori
4 - Consolare gli afflitti
5 - Perdonare le offese
6 - Sopportare pazientemente le persone moleste
7 - Pregare Dio per i vivi e per i morti
Giubileo 2015-2016
Ha inizio con l’apertura della porta santa della Basilica di San Pietro l’8 dicembre 2015, a 50 anni esatti dalla chiusura del Concilio Ecumenico Vaticano II, e terminerà il 20 novembre 2016, nella solennità di Cristo Re.
La Porta del Giubileo in Duomo
Malattie
Convegno del clero 2016

Evangelii Gaudium : testo completo in PDF

imagesQui puoi scaricare o leggere direttamente
l'Esortazione Apostolica "Evangelii Gaudium"

Riprendendo i risultati del Sinodo 2012 sulla Nuova Evangelizzazione Papa Francesco ci ha donato un documento con il quale vuole sollecitare la Chiesa a impegnarsi con vigore nella missione. Il testo, piuttosto lungo e articolato (sono cinque capitoli), porta il singolare stile al quale il Papa attuale ci ha abituato: immediato, provocatorio, stimolante, volto alla fiducia. Quest’ultima caratteristica non nasce da ingenuo ottimismo, bensì dalla convinzione che il Vangelo è una buona notizia, capace di introdurre la gioia nella vita di coloro che si aprono all’incontro con Gesù. È appunto questo l’avvio che dà il titolo al documento: la gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. Se la Chiesa è chiamata a portare il Vangelo, contribuisce a vincere la tristezza che connota anche il mondo attuale, il quale sembra diventato triste perché in esso molte persone hanno un cuore avaro e comodo, sono alla ricerca di piaceri superficiali: infatti «quando la vita interiore si chiude nei propri interessi non vi è più spazio per gli altri, non entrano più i poveri, non si ascolta più la voce di Dio, non si gode più della dolce gioia del suo amore, non palpita l’entusiasmo di fare il bene» (n. 2). Diagnosi impietosa, segno di occhi offuscati dal pessimismo e perfino dal risentimento? Si tratta piuttosto di constatazione sulla quale sarebbe difficile non consentire.

Certo, il Papa non vuole fare diagnosi di carattere sociologico - lo dichiara espressamente - ma non può chiudere gli occhi sulla situazione del mondo attuale, anche per scuotere la Chiesa che potrebbe rassegnarsi di fronte alle difficoltà dell’annuncio del Vangelo e quindi chiudersi in se stessa. Francesco non vuole una Chiesa intimorita e chiusa nel suo recinto: sarebbe una Chiesa che non corrisponde al Vangelo che deve annunciare. A fronte di quanti vorrebbero rimpiangere il passato, e quindi bloccarsi su forme ormai divenute inefficaci, ripete quanto dichiarava quando era vescovo di Buenos Aires: «preferisco una Chiesa accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa malata per la chiusura e la comodità di aggrapparsi alle proprie sicurezze» (n. 49). La Chiesa non deve avere paura di esporsi alla missione; deve avere paura di rinchiudersi in strutture che danno «una falsa protezione», in norme che «trasformano in giudici implacabili», in abitudini nelle quali ci si sente tranquilli, mentre fuori c’è una moltitudine affamata e Gesù ci ripete senza sosta: «Voi stessi date loro da mangiare (Mc 6,37)» (n. 49). In tal modo Papa Francesco vuol liberare la verità del Vangelo da tanti orpelli che lungo i secoli si sono accumulati sulla verità. E ciò affinché il Vangelo ridiventi buona notizia che produce la gioia di un cuore dilatato dall’amore di Dio, quello apparso in Gesù. È questo il senso delle espressioni che Papa Francesco utilizza frequentemente e purtroppo sono diventate semplici slogan: «una Chiesa in uscita», «andare nelle periferie esistenziali». Lo scopo della Chiesa tutta e di ogni realizzazione di essa, anche parrocchiale, è immergersi nella condizione delle persone umane, soprattutto di quelle poverWe, per far percepire che il Vangelo è per loro, è buona notizia perché rivela l’interesse di Dio per loro. Si tratta di mettere in atto processi di conversione, che facciano uscire da schemi noti: la missione richiede creatività intelligente. E tutti i cristiani sono chiamati a diventare protagonisti, superando ogni forma di pigrizia. Ovvio che per avvertire l’impegno missionario si richiede essere anzitutto discepoli, cioè essersi incontrati con l’amore di Dio in Cristo Gesù. Il Papa lo richiama con forza invitando a guardare ai primi discepoli di Gesù, “che immediatamente dopo aver conosciuto lo sguardo di Gesù andavano a proclamarlo con gioia: «Abbiamo incontrato il Messia (Gv 1,41)» (n. 120). La consapevolezza di essere tutti evangelizzatori è l’autentico segno dell’incontro con Gesù. Una sfida che fa crescere, libera dai lamenti, crea comunione, fa nascere entusiasmo, poiché il Vangelo vissuto e comunicato è fonte di vita bella.  don Giacomo Canobbio

25° di Ordinazione del Parroco d.Faustino Pari

ordinazionedonfaustinopariDon Faustino Pari è originario di Pontevico.
È stato ordinato sacerdote l'8 giugno 1991 dal Vescovo di Brescia Mons. Foresti, vice. parroco. Maria Madre della Chiesa (Casazza), città (1991-1998); vice parroco SS. Nazaro e Celso, città (1998-2004); Responsabile della Segreteria per la Visita Pastorale (2000-2006); parroco “in solidum” S. Anna, città (2005-2008); parroco S. Antonio di Padova, città dal 2004; parroco S. Anna, città dal 2008; parroco S. Giacomo, città dal 2013; coordinatore Unità past. Card. Parroco Giulio Bevilacqua dal 2016.

Missioni

  • TORNEO DEI RIFUGIATI

    Anche se gli spettatori di S.Giacomo non c’erano(colpa nostra che non l’abbiamo pubblicizzato) il 18 Giugno c’è stata una delle giornate del Torneo dei Rifugiati, iniziativa ideata dal nostro gruppo missionario, ma poi realizzata e impostata da Lorenzo di Casa Marcolini per problemi”assicurativi” e logistici. E’ stato un pomeriggio di Sport con la S perchè […]

    Invia!
    • Twitter
    • Facebook
    Leggi altri articoli: Missioni

    19.06.2016 – Don Gianmaria ha celebrato la prima messa in UP a San Giacomo

    ordinfrusca0111.06.2016 Dall'Omelia del Vescovo Luciano Monari.

    Cosa può dire un Vescovo che sta per ordinare dei preti? Grazie; grazie anzitutto a Dio, Padre della luce, dal quale viene ogni buon regalo e ogni dono perfetto: Lui solo può suscitare nel cuore dell’uomo un desiderio efficace di mettere in gioco la vita consacrandola al vangelo. Poi grazie alle comunità cristiane che hanno accompagnato questi giovani nel cammino di fede con l’annuncio della parola, con l’insegnamento della fede, con l’eucaristia, il dono sempre rinnovato e rigeneratore della grazia di Dio. Grazie naturalmente alle famiglie nelle quali il senso della fede è stato trasmesso con la parola e con l’esempio, con l’amore e col sacrificio. Grazie infine a loro, a questi giovani per il ‘sì’ con cui hanno risposto alla chiamata di Dio. In realtà hanno fatto una scelta saggia perché hanno preferito che è più prezioso; possono dire col salmo: “La mia sorte è caduta su luoghi deliziosi, la mia eredità è magnifica” perché “il Signore è la mia parte di eredità e il mio calice.” Ma rimane vero che essi hanno rinunciato a cose del mondo che frequentemente sono considerate essenziali per la felicità umana: i soldi, il piacere sessuale, l’esercizio del dominio e del potere. Grazie dunque a loro, perché hanno creduto che esiste qualcosa di più importante della gratificazione materiale immediata. - 

    La Parola

    • pane

      Vangelo del 26 giugno2016

      C’è qualcosa di radicale nella vocazione a seguire Gesù (è una caratteristica di ogni cristiano autentico) che ci sconvolge. Si potrebbe essere tentati di invocare una particolarità di modo di pensare, perfino di linguaggio, per addolcire o stemperare gli argomenti del Vangelo. Eppure abbiamo ogni interesse a prendere il Vangelo per ciò che è, ed […]

      Invia!
      • Twitter
      • Facebook
      Leggi altri articoli: laparola

      Agenda Sport

      • Non ci sono ancora eventi...

      Domenica 2 Ottobre

      BOLLETTINO UNITA’ PASTORALE


      bollettino
      LEGGI L'ULTIMO BOLLETTINO dell'UNITA' PASTORALE

      SOMMARIO

      Orari Messe - Contatti
      Carissimi - Evangelii Gaudium
      Internetcity - I luoghi del Cristianesimo
      Palavra viva - Un anno da diacono
      Don Luca Biondi: eccomi - Calendario Liturgico
      La Vignetta - Punto Comunità
      Festacli: S.Anna - Rifiuti: il via al nuovo sistema
      Visita e benedizione famiglie - Missione come accoglienza
      La gioia del Vangelo - GMG
      Campo scuola Valbondione - Grest 2016 S.Giacomo
      Sport - Anagrafe parrocchiale

      d.Luca nuovo curato all’U.P. “Card. Bevilacqua”

      lucabiondiAccogliamo don Luca con tanto affetto e salutiamo riconoscenti don Gianmaria e gli auguriamo un buon "cammino" a Roma.
      Don Luca Biondi, che aveva fatto l'anno da diacono a Pralboino, è il nuovo curato dell'unità pastorale card. Bevilacqua (Sant'Anna, Sant'Antonio e San Giacomo). Don Gianmaria Frusca, invece,  diacono a Sant'Anna, Sant'Antonio e San Giacomo, è stato mandato a Roma a studiare Sacramentaria.
      Don Luca Biondi, nato il 29 aprile 1990, è originario della parrocchia di Rezzato San Carlo. Entrato in Seminario in quarta superiore, ha svolto il servizio pastorale nelle parrocchie di Lumezzane S. Apollonio, Gavardo e Quinzano; è stato prefetto al Seminario Minore. L’anno del diaconato l’ha vissuto nella comunità di Pralboino    

       

      Dopo la maturità, dovendo integrare il greco prima di accedere ai corsi teologici, ha fatto un anno un po’ particolare, restando in Seminario, ma andando a lavorare il mattino: “Una bella avventura in una rubinetteria di Bovezzo, anche grazie alla quale ho maturato più liberamente la scelta di iniziare la teologia nel settembre 2010”

      continua a leggere

      Costituzione Unità Pastorale 5 Giugno 2016 ore 18.30 a S.Antonio – Registrazione Audio

      Alla scoperta di Elia, colui che accoglie la sua vocazione
      Alla scoperta di Elia, colui che accoglie la sua vocazione
      Alla scoperta di Elia, colui che accoglie la sua vocazione
      Alla scoperta di Elia, colui che accoglie la sua vocazione
      Alla scoperta di Elia, colui che accoglie la sua vocazione
      Alla scoperta di Elia, colui che accoglie la sua vocazione

      Storia della Parrocchia

      • sgiacomo1

        Storia di San Giacomo

        Sulla strada, che uscendo dalla porta occidentale della città, conduceva a Milano, presso il ponte sul Mella, si trovava nel Medioevo l’Ospizio di S.Giacomo. Del complesso assistenziale attualmente rimane soltanto la bella chiesetta romanica, ancora visibile sul fondo di via Milano. L’ospizio è documentato a partire dal XII secolo, ma è probabile sia stato costruito […]

        Invia!
        • Twitter
        • Facebook

        Festa al Monastero Mercoledi 27 luglio S.Messa ore 08.30

        • monastero

          Beata Maria Maddalena Martinengo

          Margherita Martinengo nacque a Brescia il 4 ottobre 1687. La sua era una famiglia importante: il padre, Conte Leopardo, era Capitano della Repubblica Veneta. Per le complicazioni del parto la mamma, Margherita Secchi d’Aragona, morì dopo cinque mesi; la beata ne aveva ereditato il nome. Crebbe in un ambiente sereno, con diverse nutrici, ma nonostante […]

          Invia!
          • Twitter
          • Facebook

          Gianmaria Frusca (Jimmy): La bellezza della Parola di L.Zanardini (Voce del Popolo)

          frusca01Entrato in Seminario dopo il liceo classico, ha maturato la sua scelta vocazionale in oratorio e in famiglia, in particolare la testimonianza missionaria del fratello Simone gli ha aperto nuove prospettive. E poi ha incontrato la figura di San Francesco con l’invocazione “Signore, dimmi quello che vuoi per me”

          La bellezza e l’entusiasmo di vivere il Vangelo nella vita di ogni giorno ritornano spesso nelle sue parole, perché “il Signore ha vinto” un po’ la sua “timidezza attraverso tante persone e tante occasioni che l’hanno tirato fuori dalla vita ordinaria”. Don Gianmaria Frusca ha incontrato Cristo all’oratorio, in famiglia e sulla via di Assisi. In oratorio, perché in quel di Monticelli Brusati, paese natale, ha trovato un sacerdote che nel 2006 gli ha offerto un’opportunità come catechista dei ragazzi delle medie. “Accanto a catechisti eccezionali ho scoperto che la vera bellezza era Gesù Cristo e poco alla volta ho cominciato ad appassionarmi....    continua a leggere (click qui)

          Agenda



          L’Omelia di Domenica. Mons. G.Canobbio

          News

          • monastero

            Beata Maria Maddalena Martinengo

            Margherita Martinengo nacque a Brescia il 4 ottobre 1687. La sua era una famiglia importante: il padre, Conte Leopardo, era Capitano della Repubblica Veneta. Per le complicazioni del parto la mamma, Margherita Secchi d’Aragona, morì dopo cinque mesi; la beata ne aveva ereditato il nome. Crebbe in un ambiente sereno, con diverse nutrici, ma nonostante […]

            Invia!
            • Twitter
            • Facebook
            • anguria

              23 Luglio: Anguriata Missionaria e Musica Afro

              Sabato 23 Luglio dalle ore 19.00 si è tenuta l’Anguriata Missionaria con intrattenimento di Musica Afro con gli ospiti del Centro Marcolini di Viale Caduti del lavoro Invia!

              Invia!
              • Twitter
              • Facebook
              • pallone

                Estrazioni delle lotteria del Torneo di Maggio (XIII Torneo Giovanile di Calcio)

                E’ iniziato il torneo giovanile di calcio che si svolge presso il nostro oratorio tutti le sere fino al 24 maggio. Vieni all’oratorio in queste sere a tifare per i nostri giovani atleti. Estrazione Lotteria: 1° premio (buono 300 euro): 582 2° premio (buono 150 euro): 2584 3° premio (microonde): 1416 4° premio (spazzolino elettrico): 591 […]

                Invia!
                • Twitter
                • Facebook

                Nostro fratello Giuda d.Primo Mazzolari

                 
                 
                 
                 
                 
                 
                Invia!
                • Twitter
                • Facebook